System Administration

Come si conduce un audit di successo?

02. novembre 2023, Avatar of Alexander SpatzigAlexander Spatzig

Gli audit IT regolari sono di fondamentale importanza per ogni azienda: come un’istantanea precisa dello stato attuale, consentono di ottenere una revisione completa dell’infrastruttura IT, delle policy e delle pratiche come la gestione delle patch. Un audit efficace è inoltre uno strumento indispensabile per mantenere un livello costantemente elevato in materia di sicurezza IT e di resilienza cibernetica. 

In sintesi

  • Audit IT regolari sono essenziali per identificare ed eliminare le vulnerabilità e i rischi IT.
  • Un audit IT di successo pone obiettivi chiari in aree quali la regione degli asset, la sicurezza e la conformità.
  • Un buon esempio di audit IT efficace è la revisione delle policy di gestione delle patch, delle vulnerabilità e dei canali di comunicazione.
  • Il report di audit serve come base per implementare miglioramenti e documentare la conformità.

Gli audit IT pianificati con cura possono identificare tempestivamente potenziali rischi, vulnerabilità e carenze nei sistemi e nei processi aziendali. Ad esempio, le aziende possono valutare le performance dei sistemi automatizzati, determinare se gli asset e i dati IT sono sufficientemente protetti e ridurre i rischi di lacune di sicurezza non rilevate e di tecnologie obsolete.

Un must per ogni audit: obiettivi chiari

Gli obiettivi di un audit variano a seconda del settore e delle attuali sfide aziendali e ne determinano il focus e la portata. In alcuni casi ci si concentra maggiormente sugli aspetti tecnici dei sistemi IT in uso, mentre in altri si esaminano da vicino le strutture organizzative e i processi commerciali.

Se un audit si concentra sulla sicurezza operativa generale, tutti i reparti aziendali vengono inclusi in una valutazione completa dei rischi. Se un audit IT si concentra invece su aspetti specifici, come le operazioni della catena di approvvigionamento, esaminerà attentamente la sicurezza, l’accuratezza e la validità dei processi associati. Per ottenere risultati efficaci, i responsabili dell’audit devono essere coerenti e chiari sugli obiettivi da perseguire.

Processi più efficienti, costi operativi più bassi

I risultati dell’audit possono anche fornire informazioni approfondite sui processi e sulle strutture operative. Ad esempio, le aziende possono determinare se i loro processi digitali rispettano le normative di conformità vigenti e utilizzare il report di audit per documentare la conformità agli standard di settore e alle normative governative.

Il mio collega Andreas Klare ha già parlato delle imminenti normative NIS2, in base alle quali la prova documentata della sicurezza diventerà ancora più importante.

Le aree principali tipiche di un audit IT

  • Esaminare la gestione complessiva delle risorse IT, compresa la documentazione, la distribuzione, la manutenzione e gli aggiornamenti necessari.
  • Identificare potenziali vulnerabilità, minacce e rischi.
  • Garantire la conformità ai requisiti di gestione delle licenze, alle leggi sulla privacy e sulla protezione dei dati e ad altre normative applicabili.
  • Migliorare i processi operativi ed eliminare potenziali bottleneck, ad esempio il flusso di dati tra le applicazioni.
  • Sistematizzare, migliorare e integrare i processi aziendali in tutti i settori.
  • Verificare se i processi e le strategie IT sono allineati con gli obiettivi aziendali (ad es. la trasformazione digitale).
  • Ottimizzare i costi e l’efficienza dell’IT.

Gestione delle patch: un esempio di pianificazione sistematica per il successo dell’audit

Una volta fissati obiettivi chiari, il processo di audit inizia con una comunicazione tempestiva e trasparente a tutte le parti interessate su come prepararsi e cosa aspettarsi. Un audit sulla gestione delle patch fornisce un buon esempio delle fasi necessarie:

  1. Esaminare le politiche e i processi di gestione delle patch attuali.
  2. Determinare lo stato attuale delle patch attraverso la scansione della rete.
  3. Esaminare le vulnerabilità non patchate e le loro cause.
  4. Analizzare le procedure di gestione del rischio che influiscono sul processo di applicazione delle patch.
  5. Verificare se le metriche esistenti sono adatte a valutare la performance.
  6. Esaminare i canali di comunicazione utilizzati dal personale IT.
  7. Identificare i bottleneck di processo.
  8. Documentare tutti gli obiettivi di gestione delle patch e i relativi obblighi contrattuali. 

Importante: documentare e analizzare i risultati dell’audit

Raccogliete le informazioni nel modo più preciso possibile per consentire un’analisi efficace. Ciò include la revisione delle linee guida di valutazione alla fine del processo per verificare se soddisfano ancora gli obiettivi iniziali.

La cosa più importante è implementare effettivamente misure appropriate, come linee guida nuove o aggiornate che siano allineate con i risultati dell’audit, e poi monitorare i progressi

Il report di audit

Il report finale dell’audit deve documentare in modo esauriente tutti i risultati, le priorità e i suggerimenti di miglioramento. Può essere distribuito a tutte le parti interessate e servire come base per l’adozione di ulteriori misure. Il report può anche servire come prezioso strumento interno quando si presentano nuovi problemi. Può anche essere fornito ad agenzie esterne del settore e governative per documentare gli sforzi dell’azienda per conformarsi alle linee guida sulla protezione dei dati e ai requisiti di continuità aziendale NIS2

Un audit ben pianificato non solo può migliorare l’efficienza e la sicurezza informatica, ma può anche determinare se i flussi di lavoro automatizzati supportano gli obiettivi aziendali. Gli audit IT possono inoltre contribuire a garantire che le misure di sicurezza dell’azienda siano al passo con la rapida e continua evoluzione delle minacce alla sicurezza informatica e delle normative di sicurezza associate.

Leggi di più

Voci 1 vai a 3 di 3