OS/Windows | Management Suite

Perché pianificare subito la migrazione a Windows 11 è l’approccio giusto

19. gennaio 2023, Avatar of Matthias LutzMatthias Lutz

Anche se sembra che ad oggi non ci sia alcuna necessità urgente di migrare a Windows 11, dovreste almeno iniziare a creare un piano strutturato per garantire un passaggio senza problemi. La combinazione di lead time e strumenti di una soluzione UEM completa consente di identificare e risolvere tempestivamente i problemi di compatibilità e sicurezza.

L’inizio di un nuovo anno significa che è giunto il momento di fare progetti in molti settori, compreso quello informatico. Un esempio lampante è l'imminente passaggio a Windows 11. L’ultimo sistema operativo di Microsoft è disponibile da diversi mesi ed è ora un’opzione reale per la maggior parte delle aziende. Il supporto per Windows 10 non terminerà ufficialmente prima del 2025, il che significa che è possibile progettare, pianificare e iniziare a implementare la migrazione in modo ordinato e senza fretta. Inoltre, è possibile utilizzare il nuovo e il vecchio sistema operativo fianco a fianco per identificare tempestivamente i potenziali problemi e ridurre le probabilità di inattività del sistema.

Un altro motivo per non rimandare il passaggio è che il supporto per le versioni di Windows 10 precedenti alla 21H2 è terminato nel dicembre 2022. Infine, considerate che in oltre 20 anni di assistenza alle aziende per la transizione a nuovi sistemi operativi, abbiamo scoperto che può essere necessario fino a un anno intero per completare una migrazione pulita. Il diavolo si nasconde davvero nei dettagli.

Non tutto in una volta

Poiché Windows 10 e 11 sono relativamente simili, i problemi di compatibilità sono meno probabili rispetto alle migrazioni precedenti. Tuttavia, i team IT devono condurre test accurati e ben pianificati per individuare e risolvere in anticipo i potenziali problemi. Questo vale soprattutto per il software proprietario e le soluzioni sviluppate internamente. Anche i database e le relative configurazioni tendono a essere sensibili alle modifiche del sistema operativo e di altri sistemi informatici.

Adottate un approccio graduale per garantire il successo del passaggio:

  • Fase 1: simulare la migrazione in un apposito ambiente di prova
  • Fase 2: selezionare e migrare gli utenti chiave di diversi reparti per partecipare al test.
  • Fase 3: iniziare il rollout generale, suddiviso in ondate secondo le necessità.

Dopo ogni fase, assicuratevi di verificare e risolvere i problemi prima di continuare, per evitare interruzioni più lunghe. Un ulteriore vantaggio di questo approccio è che i team IT possono rimuovere software usati raramente o obsoleti per risparmiare sui costi di licenza associati e mantenere la coerenza generale del sistema e l’aderenza agli standard IT o aziendali.
 

Lo Unified Endpoint Management riduce il lavoro collegato alla migrazione

La migrazione da Windows 10 a 11 non dovrebbe essere così impegnativa come le precedenti transizioni. Tuttavia, è possibile che si verifichino attriti, soprattutto da parte degli utenti finali. Ad esempio, gli utenti potrebbero semplicemente non gradire un desktop o una struttura di menu nuovi e poco familiari. I team IT possono ridurre queste e altre barriere con un’interfaccia utente preconfigurata e altre impostazioni in modo che il sistema operativo sia simile a quello precedente.

Tuttavia, non tutti i PC Windows sono adatti alla migrazione. Windows 11 richiede maggiori prestazioni del processore rispetto alle versioni precedenti. I sistemi più vecchi potrebbero non essere aggiornabili a Windows 11.

Inoltre, Microsoft Windows 11 può essere preinstallato solo se può essere avviato da una SSD. I team IT possono evitare questo inconveniente utilizzando il Long-Term Servicing Channel (LTSC) disponibile con Windows 11 Enterprise. Microsoft offre persino un servizio speciale: 10 anni di supporto senza richiedere aggiornamenti delle funzionalità. Questo può essere un grande vantaggio per i sistemi critici e particolarmente sensibili. Ma una soluzione non va bene per tutti! È necessario esaminare ogni singolo caso per trovare la soluzione ottimale.

Questo ci riporta al punto iniziale: una migrazione senza problemi richiede una buona preparazione. Abbiamo riscontrato che una migrazione pulita può richiedere da sei a dodici mesi, soprattutto quando un’azienda utilizza più dispositivi con versioni software diverse. 

Vale la pena utilizzare gli strumenti UEM per la migrazione?

Per tutte le aziende, tranne quelle più piccole, baramundi Unified Endpoint Management (UEM) può aiutare in modo significativo a effettuare una migrazione senza problemi con un ROI molto favorevole. Come regola generale, per utilizzare il nostro sistema UEM a supporto della migrazione, dovreste avere almeno 50 endpoint. Con un numero maggiore di endpoint, il ROI complessivo diventa ancora più interessante in termini di risparmio di tempo e di costi rispetto alla migrazione manuale. Senza contare l’automazione, la gestione delle patch, la scansione delle vulnerabilità e gli altri vantaggi offerti dalle nostre soluzioni.

Ad esempio, le installazioni software automatizzate aiutano a garantire configurazioni di sistema corrette e coerenti, soprattutto se si considera che le possibilità di commettere errori sono maggiori, quando si intraprende un progetto ricco di dettagli come la migrazione del sistema operativo. Un altro esempio è l’utilizzo della gestione centralizzata di BitLocker nel Baramundi Management System (bMS) per definire e applicare gli standard delle password, magari in combinazione con i PIN. In questo modo è possibile semplificare l’adozione di password forti da parte degli utenti e ridurre uno dei maggiori e più comuni rischi per la sicurezza informatica. 

L’UEM assicura il futuro

Come per molti progetti IT, il successo di una migrazione a Windows 11 dipende dalla pianificazione e dalla preparazione. L’utilizzo di un sistema di gestione degli endpoint olistico e orientato al futuro come il bMS metterà la vostra azienda in una posizione migliore per affrontare le sfide future di un panorama IT sempre più complesso.

L’UEM combina la gestione dei client, la gestione dei dispositivi mobili e la sicurezza degli endpoint in una soluzione integrata con un’interfaccia di amministrazione intuitiva. Come già detto, l’UEM non solo fornisce un valido supporto per la migrazione a Windows 11, ma migliora anche la sicurezza e la trasparenza della rete, le licenze software e altre responsabilità IT comuni.

Leggi di più

Voci 1 vai a 3 di 3